Proctology.it

Dott. Alfredo Giordano - Chirurgo generale - Colo-proctologo

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

CHIRURGIA LASER

E-mail Stampa PDF

La chirurgia proctologica può avvalersi dell'utilizzo del Laser.  Questo dispositivo emette un'energia che agisce sul contenuto di acqua delle cellule che compongono i  tessuti, provocando una vaporizzazione.

Quindi con l'utilizzo del Laser , attraverso il processo di FOTOTERMOLISI possiamo distruggere i tessuti in modo selettivo, agendo con precisione, al livello di profondità desiderato, minimizzando il danno ai tessuti circostanti.

Ovviamente il Laser non è la panacea e l'indicazione al suo utilizzo è ristretta, in primo luogo perchè a fine trattamento come già detto non otterremo un campione chirurgico da poter sottoporre ad esame istologico. Per gli stessi motivi non è corretta la rimozione di nevi cutanei con tecnica laser.

Comunque sia le indicazioni sono sicuramente:

-fibromi anali

-condilomi anali

-verruche perianali

-fistole perianali sottomucose o intersfinteriche, metodo FilaC, vedi in Home

-emorroidi interne sanguinanti

 

In questi casi l'utilizzo del Laser comporta un minor trauma chirurgico rispetto al tradizionale bisturi elettrico e provocando un minor edema dei tessuti circostanti consente una più rapida cicatrizzazione.

Come è ovvio ma non sempre viene riportato nei siti dedicati alla chirurgia laser, non è un trattamento indolore ed il paziente deve essere sottoposto ad anestesia locale o in alternativa a sedazione, con l'ausilio del medico anestesista.

Il trattamento delle altre patologie proctologiche quali prolassi rettali, prolassi muco-emorroidari, fistole perianali complesse, sindrome da defecazione ostruita, cisti sacro-coccigea ecc....., non si avvantaggia particolarmente del laser ed in alcuni casi esso è del tutto controindicato.

In definitiva, fatta eccezione per alcune ben definite patologie, la chirurgia laser in proctologia è uno specchietto per le allodole dal quale il paziente viene attratto con il miraggio del trattamento indolore, della rapida guarigione e della non ospedalizzazione.

 

Detto ciò mi sia consentita una cosiderazione.

Il paziente con patologia di interesse proctologico dovrebbe rivolgersi ad un centro di proctologia che nel ventaglio dei trattamenti annoveri anche il Laser cosi come altre tecniche parimenti innovative.

Al contrario non dovrebbe affidarsi a generici centri di "chirurgia laser" dove solitamente vengono trattate numerose patologie spaziando "orizzontalmente" tra le varie specialità chirugiche senza spesso averne in tasca nessuna.