Proctology.it

Dott. Alfredo Giordano - Chirurgo generale - Colo-proctologo

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Diagnostica strumentale dedicata

E-mail Stampa PDF

  • Rx cine-defecografia:

l'indagine radiologica più accurata per identificare i disordini morfo-funzionali dell'ampolla rettale e della via di efflusso anale. Trova indicazione in pazienti con stipsi ostinata da defecazione ostruita, incontinenza e nei controlli post-chirurgici dei soggetti operati per patologia ano-rettale.

L’esame documenta la morfologia ampollare e del canale anale, i rapporti con il sacro-coccige ed il pube, obiettivando le modificazioni che si verificano con valutazione statica e dinamica.

Le immagini vengono ottenute durante un atto defecatorio in posizione classica, espletato in ambiente dedicato, dopo aver riempito il retto di una sostanza radiopaca che mima la presenza di feci. Risulta molto utile per espletare un buon esame opacizzare le anse ileali  e la vagina con bario, al fine di evidenziare l'eventuale presenza di un enterocele, che se misconosciuto potrebbe essere fonte di complicanze chirurgiche come la perforazione di un'ansa intestinale la quale, a causa dell'enterocele stesso, si verrebbe a trovare esattamente tra retto e vagina (vedi immagine sotto).

  • Rm-defecografia:

indicazioni dell’esame precedente, maggiori dettagli anatomici rilevabili trattandosi di una riisonanza magnetica. Per contro, la posizione del soggetto non è quella fisiologica della defecazione (posizione supina).

  • Tempi di transito colici

sono indicati nei soggetti con disordini della motilità colica. Si assumono marker radiopachi per os e si documentano rx addome a intervalli stabiliti. Si stabilisce se il transito è effettivamente rallentato e se vi è una sede ove i marker si accumulano. Un paziente con defecazione ostruita tende a trattenere i marker nel sigma e nell’ampolla, mentre nel paziente con ridotta motilità colica i marker sono diffusi.

  • Manometria ano-rettale

documenta l’attività dello sfintere anale esterno e del pubo-rettale, insieme al riflesso di rilascio dello sfintere interno alla distensione rettale. Inoltre indica la cordinazione muscolare durante la fase di vuotamento e la soglia alla quale si percepisce la distensione del retto.

  • Ecografia endo-anale con sonda a 360°

Esame  della regione anorettale, con sonde dedicate. E’ divenuto parte integrante ed indispensabile dell’armamentario diagnostico  dedicato allo studio delle patologie dell’ano-retto, soprattutto delle fistole perianali, dove ha completamente sostituito  la vecchia  fistolografia.

Molto importante anche nella stadiazione dei tumori del retto.

Si ottengono immagini del complesso sfinteriale a 360 gradi, con visualizzazione delle singole componenti anatomiche ( parete intestinale, sfintere interno, sfintere esterno).