Proctology.it

Dott. Alfredo Giordano - Chirurgo generale - Colo-proctologo

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

I vostri commenti

E-mail Stampa PDF

Da circa sei mesi avevo perdite di sangue con le feci. avevo fatto due visite chirurgiche ed ero in terapia per emorroide. poi il problema non si risolveva e ho cercato un proctologo su internet ed ho trovato il dott giordano. con una visita di pochi minuti mi ha detto che aveva il dubbio di sentire un polipo nell'intestino retto e mi ha detto di fare una rettoscopia dicendo di farla quanto prima. purtroppo aveva ragione ed avevo un carcinoma rettale. ho fatto le chemie, le radio e poi il dott giordano mi ha operato mettendomi una borsetta per qualche mese che poi è stata tolta. adesso faccio dei controlli ma per fortuna tutto bene perchè la malattia è stata presa in tempo grazie all'esperienza del dott giordano . l'ospedale di cava è piccolo  e con tanti problemi ma sono organizzati e lavorano bene. tutti danno il massimo e li ringrazio. RR 2014

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Mi sono deciso a riferire la mia esperienza vissuta.

Premetto che ho scoperto di soffrire di  fistole perianale. Senza volermi troppo dilungare in una patologia per me fino a quel momento del tutto misconosciuta, ho vissuto i primi approcci con medici nella mia città Napoli oltre che  a Roma. In queste occasioni pur avendo ricevuto una diagnosi e un'ipotesi di intervento, ho procastinato il tutto in quanto a pelle tali specialisti, a mio avviso, non mi avevano relazionato e configurato esattamente l'intervento ed il decorso operatorio con completezza e pertanto non mi sentivo tranquillo. Preciso che intanto continuavo naturalmente a soffrire.

Per pura mia fortuna ho incontrato prima su internet e naturalmente poi di persona il Dott. Giordano, non mi è stato necessario neanche un minuto per decidere di procedere all'intervento subitaneamente, dopo aver ricevuto la visita e ed essermi confrontato su tutti gli aspetti che in questa patologia sono molteplici. Mi ha colpito la sincerità la schiettezza la professionalità , mentre coglievo che non mi veniva nascosto alcunché. Non mi ero sbagliato, ho incontrato una persona, oltre che un medico, competente e scrupolosa e soprattutto interessata a recare il minor danno al paziente per l'intervento a subirsi; c'é da aggiungere che non mi è mai mancato l'interesse postoperatorio da parte del Dott. Giordano,  e che inolte  mi ha sempre rassicurato  e seguito durante tutta la convalescenza.

Come concludere, oggi sono contento della scelta fatta. GRAZIE

Con riconoscenza  C. S. 2015

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ho sofferto per diversi anni di problemi di emorroidi, a cui si era aggiunta recentemente anche una ragade anale.

Dopo aver fatto la classica trafila delle creme, pillole, e quanto altro, poiché non riscontravo alcun beneficio

ho deciso di affrontare il problema radicalmente.

Sono sempre stato restio al trattamento chirurgico, anche perché sapevo che il post operatorio era abbastanza doloroso, almeno

con le vecchie metodiche.

Come succede in questi casi, mi sono informato, e qualche amico e alcuni conoscenti mi hanno indicato  dott.Giordano, che devo dire gode di un'accreditata e ampia reputazione in questo campo.

Il dott.Giordano ha sfatato tanti dubbi, incertezze alimentate anche dai pregiudizi del  mio medico di base, poiché l'intervento di ragade, se non fatto da mani esperte, può rivelarsi addirittura invalidante. In realtà questa eventualità è molto bassa, e il dott.Giordano mi ha infondato molta fiducia.

In merito all'intervento in sé, è in regime di ricovero (non meno di tre giorni).

La metodica utilizzata per l'emorroidi è la tecnica Longo (?) che come mi diceva il dottore riduce di gran lunga le complicanze del post operatorio, oltre che il dolore.

L'operazione, compreso il preoperatorio, è durata circa un'ora e mezza; l'anestesia è locale, ti fanno un'epiturale.

Passato l'effetto dell'anestesia il dolore con gli antinfiammatori è sopportabile, ma questo aspetto è soggettivo e dipende dalla soglia di sopportazione di ognuno.

Il dramma di questa operazione è la prima evacuazione, mediamente dolorosa perché si fa resistenza psicologica, fatta quella va' tutto liscio...anche il dolore tende ad attenuarsi.

Una volta a casa occorre solo fare una corretta igiene con i prodotti che ti suggeriscono, e continuare in caso di dolore la terapia antinfiammatoria.

Ovviamente occorre fare i controlli, verificare se i punti (dei gancetti tipici nella tecnica in questione) sono caduti.

Per quanto mi riguarda posso dire che il dolore passa del tutto dopo la prima settimana, e a distanza di due mesi dall'operazione si è  perfettamente guariti, anche se occorre monitorare la questione perché il dato è soggettivo e varia da caso in caso.

Consiglio vivamente di sottoporsi a quest'operazione risolutiva, perché i vantaggi e il benessere che si ricava dopo sono sicuramente elevati, almeno questo mi sento di dire a tre mesi di distanza trascorsi dall'intervento.

In bocca al lupo a tutti. G

_________________________________________________________________________________________________________

 

Scrivo questa lettera mail di commento su invito del dott Giordano, essendomi operato a cava. Da alcuni anni soffrivo di emorroidi, che poi ho scoperto trattasi di prolasso mucoemorroidale se non scrivo male. Mi sono recato dal dott Giordano grazie al passaparola. Mi ha spiegato che l'intervento non veniva fatto all'esterno dell'ano come un tempo, ma nel retto, come un lifting mi aveva detto. Quindi il dolore era scarso perche' esternamente non c'erano cicatrici. Avevo un parente che aveva sofferto molto per l'intervento ma aveva avuto la vecchia tecnica. Comunque io soffrivo pure cosi e allora ho deciso. Una passeggiata la tecnica stark . Nemmeno una medicazione dopo l'intervento e sono andato in bagno dopo appena laprima notte e....liscio.

Se soffrite vi consiglio di operarvi. L'ospedale di cava de Tirreni non e' il grand Hotel ma nel complesso e' stata un'esperienza positiva che mi ha fatto ricredere di tutte le mie paure precedenti.

AR di Salerno

Ciao DOC

___________________________________________________________________________________________________________

Buongiorno. La volevo ringraziare per la sua estrema disponibilità e gentilezza. Se non l'avessi incontrata sulla mia strada mai mi sarei convinta a sottopormi ad intervento chirurgico e mi sarei rassegnata all'uso di lassativi ed al sanguinamento alla defecazione. Nessuno prima, e ne ho fatte di visite , era riuscito a convincermi, forse perche' sono stati sempre approssimativi ed io invece avevo bisogno di capire e di essere rassicurata.

L'intervento transtar non e' una passeggiata ma tranne la prima notte devo dire che e' del tutto sopportabile. E poi erano anni che trascorrevo almeno 30 minuti in bagno per liberarmi e nemmeno con soddisfazione mentre adesso.....magari mi mancano certe letture....

Bene cosi. Grazie anche al personale del reparto che si e' dimostrato sempre cortese e professionale.

Cordialità

AS, prov di Napoli.

_______________________________________________________________________________________________________

 

Allora, sono stitico e da un po di tempo sanguinavo quando andavo al bagno. Avevo fatto varie cure con creme e dilatatori ma nessun risultato. Il dolore era forte e a volte evitavo di andare in bagno. Poi ho letto un articolo su un giornale locale circa il dott Giordano che opera a Cava e mi sono deciso. volevo fare la tossina botulinica ma la ragade era troppo grande.

L'intervento si chiama sfinterotomia anale con tecnica chiusa, quindi senza tagli alla pelle se non un piccolo buchino. Operato la mattina, sono andato a casa il pomeriggio e sono stato bene praticamente da subito. Qualche piccola secrezione di materiale sieroso per circa 6-7 giorni ma poca roba, rispetto al dolore ed al sangue di prima. A proposito l'intervento in anestesia locale con la sedazione. Saluti all'anestestista bionda.

 

___________________________________________________________________________________________________________

Salve

Sono PG, donna, 50 anni.

Da tanti anni avevo difficoltà a defecare ma non sapevo che oltre ai lassativi era possibile fare un intervento chirurgico. Mi sono informata su internet e ho contattato il dott Giordano che ha delle ottime referenze ed e' anche presente sul sito siucp come responsabile. Mi ha ricevuto in privato e mi ha spiegato con pazienza in cosa consisteva l 'intervento transtar. Mi ha dato fiducia. Mi sono operata a Cava dopo tre mesi. L'unica scocciatura la defecografia ma purtroppo......

L'intervento e' andato bene e alla chirurgia di cava sono tutti molto gentili e disponibili. Non credevo, io non sono cavese.

Sono stata dimessa dopo due notti ma già la mattina dopo l'intervento ero in ottima forma.

Avessi pensato prima ad operarmi, avrei risparmiato una bella cifra di lassativi.

Saluti.

___________________________________________________________________________________________________________

 

Commenti all'intervento.

Sono autista di pullman e con rispetto parlando a volte macchiavo il sedile di guida di sangue. Rimandavo sempre la visita per vergogna e per paura dell'intervento. Poi mi sono messo su internet perche' non potevo andare avanti cosi e ho visto che l'intervento non era affatto come pensavo io ma era indolore. Ho cercato un proctologo in prov di Salerno e ho incontrato il dott. Giordano.

Mi ha confermato che l'operazione era poco dolorosa e cosi mi sono deciso all intervento che effetivamente non e' stato molto fastidioso. Ho anche capito che mangiavo male ma comunque adesso non esce piu sangue ne quando vado in bagno ne in altri momenti come alla guida. Arrivederci.

 

_______________________________________________________________________________________________________________

 

Ho conosciuto il dott. Giordano grazie a internet a causa della mia fistola anale per  cui ero stato operato già due volte e non ne potevo piu'. Rovinato mi avevano. Il dottore mi ha spiegato che l'unico modo di migliorare il risultato e sperare di non avere la recidiva era quello di mettere il cosiddetto setone, un laccio di plastica,  per non lesionare lo sfintere anale con lo scopo di tagliare lentamente la fistola. L'intervento e' durato poco. Dopo due mesi ha tolto il setone e con i dovuti scongiuri tutto sembra risolto. Incrocio le dita ma adesso sono  fiducioso perche' gli altri due interventi erano stati fatti in altro modo e forse da medici meno esperti. Quello che ho capito e' che per paura di tagliare i muscoli anali non puliscono bene la fistola e allora si ha la recidiva.Adesso non dovrei avere problemi. Speriamo.

____________________________________________________________________________________________________________

Gen 2013

Pensavo di soffrire di emorroidi da anni ma solo quando ho cominciato ad avere dolori "importanti" mi sono deciso a farmi visitare da uno specialista. Cercando uno specialista in zona mi sono imbattuto in questo sito e dopo un'occhiata al curriculum del dottor Giordano ho deciso di prenotare una visita... sicuramente non piacevole ma alla fine dura poco ed è necessaria. Beh, con una certa sorpresa ho scoperto di non avere emorroidi ma un polipo rettale... quindi invito tutti a diffidare dell'autodiagnosi e di farsi visitare da uno specialista. Nel mio caso il polipo era anche lievemente danneggiato alla base e l'infiammazione era estremamente dolorosa, al punto che andare in bagno era diventata un'esperienza cruenta. In più c'era un serio rischio di emorragia, per cui il dottore ha raccomandato di non aspettare più di 10 giorni per intervenire chirurgicamente.

Vista l'urgenza ho deciso di farmi operare presso la Clinica Ruggiero, dove il dottore svolge la sua attività intramoenia, e ho aspettato solo pochi giorni, cercando di tener duro e di non mangiare troppo spesso...

L'intervento credo sia durato meno di un'ora in totale, in anestesia spinale (suona abbastanza terrificante ma in realtà l'anestesista è esperto e non si sente praticamente nulla). Il personale medico mi ha messo a mio agio, sono stati tutti davvero gentili e professionali. Il dottore ha asportato il polipo (che aveva raggiunto anche dimensioni importanti) e mi hanno riportato in camera, dove avrei dovuto aspettare qualche ora per smaltire gli effetti della spinale e per farmi fare una visita di controllo. Sono stato piuttosto superficiale e sono tornato subito a casa dopo il controllo ma col passare del tempo il dolore è aumentato in maniera esponenziale... non interessava la zona operata, era più simile ad una sciatica ma molto più forte, al punto che piangevo e mi lamentavo come un animale ferito. Sono tornato a Cava ed il dottore mi ha somministrato un altro antidolorifico e mi ha diagnosticato un globo vescicale... in sostanza a causa della spinale mi si era bloccata la vescica e questo in qualche modo amplificava i dolori post-operatori, che nella norma sono più che gestibili. Beh, mi hanno inserito un catetere (esperienza che non auguro a nessuno, devo dire) e dopo un po' sono riuscito a tornare a casa.

Diciamo che ogni paziente fa storia a sé e non è possibile prevedere la reazione di ogni singolo individuo... se non si hanno i problemi che ho avuto io (e di norma non sono previsti) il post-operatorio è tranquillo, basta seguire una dieta decente e non strafare. Per qualche giorno sono stato sotto antidolorifici piuttosto potenti ma nel giro di poco sono riuscito a farne a meno ed ora, a distanza di circa 2 mesi dall'intervento, posso dire di essere guarito. Voglio quindi ringraziare il dottor Giordano per la professionalità e tutto il personale della clinica per il trattamento davvero "familiare" che mi è stato riservato.

AR

__________________________________________________________________________________________________

 

FEB 2013

<<Ho sofferto per lunghissimi sei mesi di ascesso e fistola perianale. A parte

i vari stadi di dolore sopportati, considero questa patologia, per chi

malauguratamente ne soffre, antisociale, a tratti invalidante e che mortifica

noi donne nella propria femminilità. La fortuna o, forse, la forza della

disperazione mi ha fatto incontrare il Dott. Giordano che ha il merito di

avermi riportata ad una vita normale. Sono arrivata alla conclusione che ci si

può laureare medico in due modi: andando all’università oppure, per i più

temerari, provando sulla propria pelle a guarire “gli accidenti” che ti

capitano, costretti a studiare in balia di diagnosi fantasiose che a me, ad

esempio, hanno fatto perdere del tempo prezioso. Ed è così che sono passata da

un ematoma ad un nervo rettale, da una cisti del dotto della ghiandola di

Bartolini ad un infiltrato perianale. Infiltrato? con licenza di uccidere? In

realtà uno 007 l’ho incontrato veramente, per fortuna non al servizio di Sua

Maestà, bensì del mio retto da salvare; un proctologo competente e scrupoloso

che è riuscito a guarirmi da quello che per me, ormai, era diventato un incubo.

Internet a volte esaudisce i nostri desideri meglio di Babbo Natale. E così

sono arrivata esausta e sconfortata a Cava de’ Tirreni provenendo da una

regione confinante. La prima volta che ho incontrato il Dott. Giordano, però,

ho capito subito da una manovra infernale che è riuscito a fare (dove altri

prima hanno fallito) inserendomi il setone che finalmente sarebbe stato l’

inizio della fine…e, per una volta, la fine era una bellissima parola! Non sto

a spiegarvi le tecniche che sono state applicate per la mia fistola perché ogni

caso ha il suo corso pre e post operatorio e le sue soluzioni. Il mio consiglio

è solo quello di agire, se possibile, tempestivamente e di affidarsi a mani

esperte. Il dolore e tutto il disagio, poi, si dimenticano. Ringrazio il Dottor

Giordano e l' équipe della sala operatoria che mi hanno reso più leggeri i

momenti prima dell’intervento ed auguro a tutti un buon, lungo e fruttuoso

lavoro…possibilmente senza lasciare a casa mai un sorriso ed una parola di

speranza!>>

 

Angela M., 42 anni

_______________________________________________________

Marzo 2014


F. L '58
Sono stata a visita dal dott Giordano grazie al passaparola ma non prima di aver visitato il suo sito internet per capire chi fosse. Sono stata colpita dal suo curriculum e anche il suo viso visto in foto mi dava fiducia. Desiderando un po' di privacy mi sono recata a visita in intramoenia e il dottore, molto professionale, senza fretta mi ha spiegato la mia patologia, prolasso emorroidario, e mi ha proposto l'intervento con la tecnica di Longo. Note dolenti la lista di attesa presso l'ospedale di cava che non è proprio breve. D'altra parte ho pensato.....se lavora tanto ci sará un motivo. Un altro chirurgo di salerno che avevo consultato mi avrebbe operato nel giro di due settimane. Comunque è andato tutto bene anche se l'ospedale  di Cava non é il massimo come struttura ( per fortuna ero in una stanza a due letti) ma il personale è professionale e gentile. Dopo l'intervento ho avuto fastidi solo per 3-4 giorni e cosi ho ripreso presto pure il lavoro. Che dire......lo consiglio.

 

 

Esperienza terribbile all'ospedale di cava!!!!

Sono della campania ma di un altra provincia. Ero andato a visita dal dott. Giordano presso la clinica ruggiero perche' me l'avevo trovato su internet ed era consigliato dalla societá italiana di proctologia come centro di riferimento per la provincia di salerno. In realtá la visita é stata molto buona e ho deciso di farmi operare da lui. Ragade anale. Anche due persone che aspettavano erano state operate e si erano trovate bene. Qui comincia il bello! Tre mesi di attesa per essere chiamato, poi ricoverato alle 8 del mattino in una stanza a 4 letti più una barrella, sono stato portato in sala operativa alle 3 del pomeriggio digiuno e lá ho aspettato ancora più di un'ora per essere operato. Uno stres terribbile! Volevo andarmene via.....avevo ansia. Ho visto che quel giorno hanno operato 9 persone. Potevano metterne di meno oppure organizzarsi meglio. Se mi operavano di mattina in day ospital come il dottore mi aveva detto non avrei fatto la notte e avrei dormito a casa mia. Se tenevo i soldi andavo privato. Poi ho pensato di non sprecare il tempo che avevo perso è poi il dottore mi ha chiesto scusa per l'attesa ( i napoletani ti sanno prendere) e poi non potevo piu convivere con il dolore all'ano. Comunque almeno ho risolto completamente il dolore e il sangue. Un mio amico che si è operato da un altro ha sofferto ancora due mesi e ha fatto le dilatazioni dell' olfizio anale.  Io no.

Non so se il doc ha il coraggio di pubblicarla. Non credo.  Mettono solo quelle buone.

O. P 1980